mobi__icon--right Created with Sketch.

la Mobiliare

""
""

Informazioni di base per chi fa equitazione con cavalli di terzi

Nozioni fondamentali per chi frequenta una scuola di equitazione e chi cavalca o accudisce cavalli di terzi

Con quasi 81 000 cavalli e circa 140 000 cavalieri in Svizzera, sono in molti nel nostro Paese a cavalcare cavalli di terzi. Il cavallo è un animale che si imbizzarrisce facilmente, ed è probabile che questo scateni in lui reazioni impulsive. Occorre quindi domandarsi quale copertura è necessaria perché sia chi frequenta una scuola di equitazione sia i proprietari di cavalli siano sufficientemente coperti.

Aspetti da considerare se si cavalcano cavalli di terzi

In caso di danni involontari a terzi la responsabilità civile privata vi tutela dalle conseguenze finanziarie. Tuttavia, la copertura di base non dà diritto a prestazioni in caso di danni al cavallo stesso o all’attrezzatura. In altre parole, se danneggiate una sella che vi è stata data in prestito o l’attrezzatura di terzi come un sulky o una carrozza, sarete responsabili voi dal punto di vista finanziario. Per coprire questo tipo di danni è possibile stipulare un modulo aggiuntivo per la responsabilità civile privata.

Importante da considerare è l’aspetto della colpa. Quand’è che i cavallerizzi possono essere ritenuti responsabili del danno? Ecco due esempi:

  1. State cavalcando con un cavallo preso in prestito su un ponte di legno percorribile anche dalle auto. Il cavallo mette la zampa su una traversa di legno marcia che si rompe. L’animale rimane incastrato con la zampa nel buco. Poiché il ponte non presentava alcun difetto evidente, non potete essere ritenuti responsabili del danno.
  2. Il proprietario del cavallo vi informa che il suo cavallo non può essere legato in un determinato luogo, poiché si innervosisce e si è già mostrato più volte impaurito. Distrattamente, dimenticate le parole del proprietario e legate il cavallo proprio nel luogo in questione. Il cavallo si impaurisce, cade e si ferisce. In tal caso non sono state rispettate le indicazioni impartite e potete quindi essere ritenuti responsabili del danno.

Partecipazione a eventi ippici

Se si desidera partecipare a un concorso di equitazione, che sia con il vostro cavallo o con quello di terzi, avete in ogni caso bisogno di un’assicurazione complementare. I danni che sopraggiungono durante concorsi, competizioni o corse (salto a ostacoli, corse di cavalli e gare di trotto) non sono coperti dall’assicurazione di base. Stipulando il modulo «Partecipazione a manifestazioni sportive ippiche» sarete correttamente assicurati e potrete montare in sella a cuor leggero.

Cosa c’è da sapere per i proprietari di cavalli

Se date in prestito il vostro cavallo, dovete prestare attenzione a due aspetti. Prima di tutto verificate la copertura assicurativa del cavaliere. Vi ispira fiducia? Tutti i rischi sono sufficientemente coperti? La persona è consapevole della propria responsabilità e delle conseguenze di un eventuale sinistro? Inoltre, non dimenticate le assicurazioni relative alla salute del vostro cavallo. Stipulando un’assicurazione malattia e infortuni per il vostro cavallo beneficiate di una copertura per le ferite subite dall’animale e per le relative conseguenze, come ad esempio la fisioterapia o un’operazione.

Un incidente a cavallo può avere conseguenze serie. La Mobiliare fornisce il suo sostegno in caso di prestazione assicurata e risultante in un importante stress psichico e vi offre una consulenza psicologica partecipando alle spese fino a 1000 franchi. I dettagli sulla copertura sono disponibili nelle CGA, che troverete nella vostra polizza e sul portale clienti «La mia Mobiliare».