mobi__icon--right Created with Sketch.

la Mobiliare

""
""

Lavorare in home office – le basi legali

Accade sempre più di frequente che i collaboratori svolgano tutto o parte del loro lavoro da casa. Nell’attuale situazione dettata dal coronavirus, l’home office – ove possibile – è addirittura prescritto dal Consiglio federale. Tuttavia, non tutti gli aspetti legali del lavoro da casa sono regolamentati. A maggior ragione è importante avere accordi chiari. In linea di principio, non vi è alcun diritto a lavorare da casa.  

I seguenti punti devono essere chiariti tra datori di lavoro e collaboratori: 

Condizioni quadro organizzative: Come funziona lo scambio di informazioni? Quali sono gli accessi ai dati aziendali? Come funziona il supporto tecnico?  In caso di acquisto di strumenti ausiliari, come p.es. gli schermi, quali sono le regole? Le risposte si trovano alla voce «Chi assume i costi?». 

Raggiungibilità: Quali sono gli orari di lavoro da rispettare (fissi o flessibili)? È garantita la separazione tra vita professionale e privata? Anche per lo home office valgono l’orario di lavoro massimo legale e il divieto di lavoro notturno e domenicale. 

Obiettivi di rendimento, possibilità di controllo: Quali sono gli standard di qualità applicabili? Il datore di lavoro come può controllare il lavoro? Com’è assicurata la protezione dei dati

Chi assume i costi? Il datore di lavoro è tenuto a pagare al collaboratore tutte le spese necessarie. Nel caso dello home office, ciò significa che il datore di lavoro deve pagare l’attrezzatura tecnica dell’ufficio a domicilio, nonché le spese telefoniche e di internet se richiede che il lavoro venga svolto a casa o se in azienda non è disponibile una postazione di lavoro per il dipendente (nei giorni in questione). Se il collaboratore lavora a casa su sua richiesta, di regola il datore di lavoro non è tenuto a sostenere costi. 

Lavoro a domicilio vs. home office: Il lavoro in home office va distinto dal classico lavoro a domicilio, che è principalmente un lavoro manuale. Pertanto le disposizioni speciali sul contratto di lavoro a domicilio sono applicabili solo in casi eccezionali. Per esempio, nel caso di home office permanente, che consiste nello svolgimento indipendente di lavori di scrittura o di traduzione, e nel cui caso deve essere fornito un prodotto di lavoro concreto. 

Guida giuridica digitale

I clienti della Mobiliare possono trovare ulteriori informazioni, liste di controllo e schede sull’argomento nella guida giuridica digitale della Mobiliare.

Alla guida giuridica digitale

Attualmente disponibile solo in tedesco e in francese.