Arte e sostenibilità Vol. 6: E se l’arte ci facesse progredire?

Mercoledì, 7. Settembre 2016

La Mobiliare presenta nuove opere della propria collezione. L'azienda dalle radici cooperative affronta nell'esposizione la domanda su come e con che metodi ci possiamo preparare alle sfide del futuro - e su che ruolo rivesta l'arte in questo contesto.

Inaugurazione:
Martedì 13 settembre 2016, ore 17.00
La Mobiliare, Direzione di Berna, Bundesgasse 35, Berna

Interventi alle ore 17.30:

  • Markus Hongler, CEO
  • Dorothea Strauss, responsabile del Corporate Social Responsibility
  • Viviane Mörmann, esperta d'arte

Seguono: apericena e musica

La serie di esposizioni «Arte e sostenibilità» è giunta già alla sesta edizione, dall'eloquente titolo «E se l’arte ci facesse progredire?».
La Mobiliare ha dato avvio alla serie circa tre anni fa nella sede della direzione di Berna, con lo scopo di stimolare in modo mirato la percezione e la riflessione sulla tematica dei presupposti necessari per affrontare il futuro – collaborando con numerosi artisti.

Tutte le opere, ad eccezione del nuovo progetto di sedie dell'ospite speciale Alois Lichtsteiner, sono state acquistate per la collezione nell'arco degli ultimi due anni. Si tratta di opere che affrontano tematiche rilevanti per la società e per le relazioni interpersonali – vi fanno la loro comparsa temi scottanti come la solidarietà, la povertà o le differenze sociali, ma viene messa in luce anche l'incidenza di comunicazione, gestione del tempo o apprendimento permanente sui processi di cambiamento sociale.

«Confrontandoci con l'arte impariamo a scoprire connessioni insospettate, impariamo a prestare attenzione e a trattare gli altri con interesse e tolleranza. Si tratta di presupposti importanti per avviare uno sviluppo adeguato alle sfide del futuro», spiega Dorothea Strauss, responsabile dell'impegno sociale e culturale della Mobiliare.

Vengono esposte circa 40 opere di: Anselm Baumann (D) / Ruedi Bechtler (CH) / Brian Bress (USA) / Jacobo Castellano (ESP) / Jürgen Drescher (DE) / Nic Hess (CH) / Kiluanji Kia Henda ( Angola) / Brigitte Kowanz (A) / Susanne Kriemann (D) / Alois Lichtsteiner (CH) / Edit Oderbolz (CH) / Guillaume Pilet (CH) / Koka Ramishvili (RU) / Albrecht Schäfer (D) / Daniel Spoerri / Oscar Tuazon (USA) / Ingrid Wildi Merino (CH, Chile) / Jesse Wine (GB)

L'inaugurazione vedrà la partecipazione di kidswest.ch: il laboratorio d'arte indipendente per bambini e ragazzi, con sede a Berna, opera in modo creativo e integrativo su tutti i livelli e sarà presente con la cosiddetta «Kleinkunstbox», uno scatolone mobile che offre arte da ogni lato, promuovendo e stimolando interessanti interazioni – e aiutando così i visitatori a riflettere attivamente sulla propria apertura mentale e a creare legami non solo tematici, ma anche sociali.

Più informazioni

Promuovere, collezionare, mostrare, integrare – l'impegno artistico della Mobiliare

La nostra impresa è stata fondata già nel 1826, opera soltanto in Svizzera e conta 1,7 milioni di assicurati, per questo il benessere e il futuro della Svizzera rivestono per noi una grande importanza.
La nostra tradizione di cooperativa è sinonimo di un'applicazione responsabile e orientata al futuro dei valori della nostra società. Siamo convinti che soluzioni convincenti si possano sviluppare solamente se le diverse competenze vengono collegate e riunite. Per questo ci poniamo l'obiettivo di sostenere uno scambio attivo di opinioni fra scienza, economia, arte e società, creando così nuovi spazi per idee e visioni. In questo contesto riveste un ruolo centrale la promozione dell'arte e della cultura. Questo impegno è sostenuto anche dalla convinzione che le personalità del settore artistico rappresentino con le loro opere un potenziale di impulsi per uno sviluppo positivo dei rocessi sociali – a tutto vantaggio sia di ogni singolo che della collettività. La Mobiliare colleziona quindi opere d'arte e finanzia promettenti progetti artistici in tutta la Svizzera.

Il Gruppo Mobiliare

In Svizzera, un’economia domestica su tre è assicurata presso la Mobiliare. L’assicuratore generale al 31 dicembre 2017 gestiva un volume di premi pari a 3,775 miliardi di franchi. 79 agenzie generali con un proprio servizio sinistri indipendente garantiscono la vicinanza a più di 2 milioni di clienti in circa 160 località della Svizzera. La Mobiliare Svizzera Società d’assicurazioni SA ha sede a Berna, mentre la Mobiliare Svizzera Società d’assicurazioni sulla vita SA ha sede a Nyon. Fanno parte del Gruppo anche la Mobiliare Svizzera Asset Management SA, la Mobiliare Svizzera Services SA, la Protekta Assicurazione di protezione giuridica SA, la Protekta Consulenza-Rischi SA, la Mobi24 Call-Service-Center SA e la XpertCenter SA, tutte con sede a Berna, la Trianon SA con sede a Renens, la SC, SwissCaution SA con sede a Bussigny e bexio AG con sede a Rapperswil.

La Mobiliare occupa in Svizzera e nel Principato del Liechtenstein 5000 collaboratori e 342 apprendisti. È la più antica società privata d’assicurazioni della Svizzera e sin dal 1826, anno della sua fondazione, ha struttura di cooperativa.