La Mobiliare – nuovo sponsor principale di Swiss Unihockey

Mercoledì, 27. Giugno 2007

La Mobiliare orienta le proprie attività di sponsoring sportivo in modo da ottenere un’ampia visibilità e si impegnerà notevolmente nell’Unihockey. Nell’ambito di questo impegno la compagnia di assicurazioni sarà «leading sponsor» delle quattro squadre nazionali, degli arbitri e della Lega nazionale A che verrà rinominata «Swiss Mobiliar League».

L’accordo tra Swiss Unihockey e la Mobiliare avrà per il momento una durata fino al 2012. Nel corso di questa collaborazione quinquennale la più grande compagnia svizzera nel ramo delle assicurazioni di cose avrà modo di essere presente a partite di campionato, finali della Coppa svizzera, «sommer camps» per gli juniores, campionati scolastici svizzeri, Star Games e campionati mondiali, in particolare le gare per il titolo 2011 (donne) e 2012 (uomini) che si svolgeranno in Svizzera.

Per Urs Berger, CEO della Mobiliare, è chiaro che: «l’Unihockey è una disciplina sportiva in ascesa che viene praticata soprattutto dai più giovani. Per questo abbiamo deciso di sponsorizzare con un notevole impegno questo sport di squadra. L’Unihockey è credibile, ha un radicamento a livello regionale ed è quindi molto adatto ai valori della Mobiliare.» La Mobiliare vede nella partnership con Swiss Unihockey un collegamento ideale tra regioni, persone e idee diverse. La Mobiliare desidera inoltre preservare e contribuire a sostenere il significato economico e politico-sociale dello sport. Noi ci impegnamo soprattutto a favore di attività utili nel tempo libero, che contribuiscano in particolare al benessere e alla salute dei giovani favorendone l'integrazione.

Per Swiss Unihockey in generale e lo sport dell’Unihockey in particolare l’impegno della Mobiliare significa una grande opportunità e una grande sfida. La Mobiliare, in qualità di «leading partner» offre molte nuove possibilità e, fungendo da esempio, contribuirà allo sviluppo complessivo della disciplina sportiva scolastica più popolare in Svizzera.