Vivere nella casa dei genitori restaurata

Chi chiede un’ipoteca si avventura spesso in un terreno inesplorato. Una famiglia racconta la propria esperienza con la casa dei genitori

Circa il 40 per cento dei residenti in Svizzera è proprietario della propria abitazione. Anche la famiglia Hirschi Schlauri: da poco è entrata in possesso della vecchia casa di famiglia, costruita 130 anni fa. Un’esperienza del tutto nuova, come quella di tutti coloro che sottoscrivono un’ipoteca per la prima volta.

Scena di vita familiare nella nuova cucina: Caspar Hirschi e Martina Schlauri con le tre figlie Charlotte, Joséphine e Mathilda.

La splendida casa in stile liberty costruita nel 1888 si trova quasi in centro, ad alcuni minuti dalla stazione di Winterthur, ma comunque circondata dal verde del giardino, con un viale alberato e un grande parco di fronte. Caspar Hirschi, 42 anni, è cresciuto in questa casa di tre piani, sormontata da un tetto spiovente.

«Che catapecchia!», gli avevano gridato un giorno gli studenti del vicino liceo, mentre passavano davanti a casa sua in bicicletta, racconta divertito. A quell’epoca l’edificio mostrava decisamente tutti i segni dell’età, visto che non veniva restaurato da molto tempo. Da allora sono passati vent’anni. Oggi, dopo cinque traslochi, Caspar Hirschi abita di nuovo in questa casa, ma stavolta assieme alla moglie Martina Schlauri (42), le tre figlie Charlotte (11), Joséphine (9), Mathilda (7) e due gatti. Oggi la vecchia «catapecchia» di un tempo si mostra in tutto il suo nuovo splendore. Dopo un completo restauro esterno di una ventina d’anni fa, la famiglia Hirschi Schlauri, subito dopo aver acquistato la casa nel 2014, ha eseguito una ristrutturazione degli interni rispettando lo spirito originale.

La fretta è cattiva consigliera

Oggi si presenta come una casa allegra e vivace dove ogni stanza ha un colore diverso. All’ingresso su una lavagna sono disegnati con il gesso tutti i membri della famiglia, compresi i gatti, e sotto compaiono i loro nomi. Un’altra bacheca è tappezzata di orari, informazioni, biglietti e cartoline. Mathilda e Joséphine entrano nel soggiorno, ciascuna con un gatto in braccio.

Martina Schlauri ricorda: «I miei suoceri volevano lasciare la casa finché erano in grado di andarsene sulle loro gambe», racconta. I progetti per acquistare la casa sono durati circa un anno. I contratti di compravendita, le offerte e i progetti per le ristrutturazioni richiedono tempi lunghi. Ma i due coniugi sono concordi nell’affermare che questi tempi sono necessari. «In Svizzera è un acquisto che si fa normalmente solo una volta nella vita», afferma Schlauri. Serve molto denaro, perciò è importante non farsi prendere dalla fretta.

Trovare il prestito ipotecario giusto 

Per trovare l’ipoteca migliore, i coniugi hanno richiesto sette offerte a diversi operatori fra cui anche family-net, una soluzione fondata sul partenariato tra la Banca Cantonale Bernese (BCBE) e la Mobiliare. Ugo Trevissoi, consulente family-net alla Mobiliare di Winterthur, ha proposto ai coniugi un incontro. «Avendo figli relativamente piccoli, apprezziamo molto quando gli appuntamenti possono svolgersi a casa», racconta la madre che è anche attiva professionalmente. Assieme al consulente hanno esaminato i desideri e le esigenze della famiglia nonché le varie tipologie di finanziamento. Ipoteca a tasso fisso o variabile, ammortamento diretto o indiretto, sostenibilità, durata: tutti termini che non dicono molto al profano. Per questo è utile avere la consulenza di un esperto.

La decisione di sottoscrivere la loro ipoteca tramite family-net è stata rapida. «Ci offriva le migliori condizioni e soprattutto la possibilità di coprire l’acquisto e la ristrutturazione della casa con un’unica ipoteca», racconta Martina Schlauri. Oggi, a quattro anni dalla sottoscrizione, sono ancora pienamente soddisfatti.

Fare propria la casa dei genitori

Per la famiglia nella ristrutturazione era importante preservare le tipicità della casa e al contempo personalizzarla con nuovi elementi e colori. I vecchi lampadari, i radiatori di ghisa, le finestre con i vetri variopinti, i pavimenti di legno e pietra oggi si integrano in modo armo nioso nella nuova struttura, ad esempio in cucina e in bagno. Il muro fra la cucina e il soggiorno è stato aperto per rendere gli ambienti più ampi e il giardino oggi è accessibile direttamente dalla sala da pranzo. «Ci piace l’ampiezza, la luce e la vista nel verde», afferma, e ci racconta che le sue stanze preferite sono il soggiorno e il suo ufficio al primo piano. Essendo entrambi insegnanti di scuola superiore, lavorano spesso da casa.

Una casa piena di ricordi

La casa in stile liberty fa affiorare molti ricordi. Ad esempio i vecchi armadi a muro al primo piano che quando si aprono emettono un rumore particolare ricordano a Caspar Hirschi le serate in cui, da bambino, rimaneva sdraiato a letto per ascoltare i discorsi dei genitori. Oppure il nuovo stagno in giardino che è stato realizzato un anno dopo il trasloco nella nuova casa. Da bambino nelle giornate calde era solito fare visita ai vicini che avevano una piscina. Ma averne una propria è stato sempre un suo sogno. «Alla fine abbiamo deciso per uno stagno balneabile», afferma sorridendo.

Testo: Kim Allemann
Foto: Iris Stutz  

Sottoscrivere un’ipoteca con family-net

Con family-net la Mobiliare e la Banca Cantonale Bernese offrono ai propri clienti privati i prestiti ipotecari adatti per finanziare abitazioni di proprietà in Svizzera. family-net entra in gioco non solo per l’acquisto, ma anche per le ristrutturazioni o la proroga di un’ipoteca esistente, comprese le sue quote. Approfittatene ora: chi proroga o riscatta anticipatamente un’ipoteca che scade nei prossimi 12 mesi, approfitta del tasso d’interesse attuale e non paga la maggiorazione normalmente dovuta per la disdetta.

Spesso è possibile ottenere un’offerta di finanziamento e un’analisi della sostenibilità già nel corso del primo colloquio di consulenza. I clienti della Mobiliare approfittano inoltre di uno sconto unico su un’assicurazione economia domestica, stabili e/o sulla vita. Le interessa? Allora si rivolga alla sua agenzia generale oppure direttamente al suo consulente assicurativo e previdenziale family-net.ch/it

Il boom degli acquisti immobiliari

«I tassi d’interesse sono molto bassi, lo notiamo anche a family-net», afferma Heinz Schafroth della Banca Cantonale Bernese e responsabile di family-net. Con la diminuzione dei tassi ipotecari negli ultimi anni è aumentata la domanda di abitazioni e quindi di prestiti ipotecari. La valutazione della sostenibilità, ovvero della capacità dei futuri proprietari di permettersi nel lungo periodo l’immobile è molto importante, come conferma Schafroth. «Oggi si è fortemente tentati di calcolare un tasso d’interesse a lungo termine di solo uno o due punti percentuali.» Da family-net invece ci si basa su un tasso teorico del cinque per cento, perché gli interessi, i costi accessori o l’ammortamento devono essere sostenibili anche in caso di variazioni del reddito, aumento del tasso d’interesse o maggiore manutenzione dell’immobile.

Le domande da porsi prima di acquistare una casa

Mi conviene acquistare o prendere in affitto?

Dipende da alcuni fattori: dalle esigenze dell’acquirente ad esempio, dalle dimensioni della famiglia, dalla posizione dove si desidera abitare o dal capitale iniziale di cui si dispone. Diversi calcolatori online aiutano a scoprire se la soluzione migliore dal punto di vista finanziario è l’affitto oppure l’acquisto. Maggiori informazioni su family-net.ch/fr/magazine 

Dispongo di un capitale iniziale sufficiente?

I fondi propri devono ammontare almeno al 20% del prezzo di acquisto. Possono essere costituiti anche da risparmi del 3° pilastro, valori di riscatto di polizze sulla vita, titoli, anticipi sull’eredità o donazioni.

La casa manterrà le sue promesse?

Esaminate attenta- mente la casa. La posizione dell’abitazione corrisponde alle vostre esigenze attuali e future (vista, esposizione, emissioni di rumore, collegamento alla rete di trasporti, infrastruttura locale ecc.)? E in caso di necessità è possibile rivenderla facilmente? Potete modificare molti aspetti della vostra abitazione ma non certo la sua posizione. Se avete dei dubbi sul prezzo, fate stimare il valore commerciale dell’immobile da un esperto.

Quale ipoteca è più adatta a me?

Prendetevi tempo per richiedere diverse offerte e confrontarle.

Posso permettermi quell’immobile?

Fate eseguire un’analisi della sostenibilità, anche in vista della vostra situazione in caso di decesso e invalidità o dopo il pensionamento. Inoltre vi conviene riflettere se proteggere voi stessi e i vostri  fami- liari da rischi quali il decesso o l’incapacità di guadagno,
per poter saldare il debito ipotecario anche in caso di gravi imprevisti. Oltre ad assicurare questi rischi, un’assicurazione risparmio consente di accantonare un capitale per ammortiz- zare l’ipoteca mediante investimenti di lungo periodo.

Chi decide di comprare un’abitazione di proprietà o chi cerca una casa in affitto trova offerte interessanti su immoscout24.ch. Dal 2016 Scout24 appartiene per la metà alla Mobiliare.

In città ma circondata dal verde: la casa della famiglia Hirschi Schlauri si trova ad appena 10 minuti dalla stazione di Winterthur.