Schwammstadt Optingenstrasse Hero

Come una spugna sotto ai nostri piedi: i progetti nelle zone abitate

I progetti di città spugna nelle zone abitate contengono le conseguenze del cambiamento climatico. Rendendo le superfici meno impermeabili e piantando alberi, l’acqua può penetrare più facilmente invece di defluire superficialmente e causare danni. Le piante, inoltre, fungono da condizionatore e da parasole naturale, rendendo così l’ambiente urbano più fresco e migliorando la qualità di vita. 

A causa dell’emergenza climatica, la società deve abituarsi a periodi di caldo estremi e a nubifragi più frequenti. Le ampie superfici edificate nelle aree urbane causano un accumulo di calore e un grande deflusso superficiale durante i nubifragi, che è stato responsabile di due terzi di tutti i danni da inondazione degli ultimi 10 anni. ​

La Mobiliare intende contribuire ad attutire le conseguenze del cambiamento climatico nelle zone abitate in Svizzera. I progetti di città spugna centrano un doppio obiettivo: diminuiscono i danni da inondazione e mantengono alta la qualità di vita negli spazi densamente popolati.

Progetti delle città spugnose, promossi dalla Mobiliare 

Il primo progetto sostenuto dalla Mobiliare ha interessato Berna. A settembre 2023 è stata annunciata la riqualificazione della Optingenstrasse, nel quartiere del Breitenrain, nell’ambito di lavori alle tubazioni. Maggiori informazioni (in tedesco).

Il concetto di «città spugna» sta prendendo piede in Svizzera La Mobiliare sta dialogando con diversi comuni e sono già state siglate ulteriori collaborazioni: 

Comunicato stampa dell'11 giugno 2024 sul «WinterTour» (in tedesco):
Scoprite la città spugna di Winterthur

Comunicato stampa dell'11 giugno 2024 sul progetto di Losanna (in tedesco):
Il nuovo giardino del traffico illustra i principi della città spugna

Comunicato stampa (in tedesco) del 6 giugno 2024 sul progetto di Sciaffusa: 
Un clima piacevole grazie alle misure della città spugna

Comunicato stampa della città di Winterthur del 15 dicembre 2023 (in tedesco):
«Città spugna Winterthur» - innovativa contro la pioggia battente e il calore

Comunicato stampa della città di San Gallo del 20 novembre 2023 (in tedesco):
Città spugna: entra in funzione il bacino di raccolta presso l’ex cinema Rex, ulteriori progetti in programma

Comunicato stampa della città di Losanna dell'8 novembre 2023 (in francese):
Lausanne Jardins e la Mobiliare uniscono le forze per sviluppare un progetto di città spugna nella Vallée de la Jeunesse

Grafik erklärt Schwammstadt-Modell

La prima «città spugna tascabile» in uso

La Mobiliare vuole sensibilizzare il pubblico sulle misure di adattamento al clima. A tal fine, ha collaborato con la Città di Berna per sviluppare ulteriormente il modello di città di spugna sviluppato dalla società di ingegneria Hunziker Betatech. Questa  «città spugna tascabile» spiega chiaramente il principio della città spugna in formato ridotto. Il primo modello è stato presentato il 6 maggio: Si trova davanti alla sede della Mobiliare a Berna ed è aperto al pubblico. Communicato stampa (in tedesco)

Bild der ersten Pocket Schwammstadt

La Mobiliare sostiene l’iniziativa delle «Città spugna» della VSA

L’Associazione svizzera dei professionisti della protezione delle acque (VSA) riunisce gli specialisti di cantoni, comuni e associazioni e nella pianificazione, ricerca e gestione delle acque. Con l’iniziativa delle «città spugna», la VSA ha lanciato una piattaforma che promuove lo scambio tra gli attori del settore. La Mobiliare partecipa all’iniziativa sul piano concettuale e finanziario, svolgendo il ruolo di networker. Maggiori informazioni in merito sono disponibili sulla piattaforma informativa città spugna (in tedesco). 

basic_desktop_file_folder

Articolo della NZZ del 25 novembre 2023 (in tedesco)

Progetto Schwammstadt a Zurigo Turbinenplatz

Esempio di progetto di città spugna in Turbinenplatz a Zurigo (foto: Silvia Oppliger, VSA)

Le città spugna a prevenzione dei danni

Secondo uno studio del Laboratorio Mobiliare per la ricerca sui rischi naturali, fino a due terzi dei danni da inondazione sono dovuti al deflusso superficiale. I progetti di città spugna non si limitano alla mera protezione dai rischi naturali, ma fungono proprio da contromisura per prevenire i danni. Qui troverete il relativo comunicato stampa e maggiori informazioni sullo studio (in tedesco). 

 

Beispiel eines Schwammstadt-Projekts in Genf

Esempio di progetto di città spugna a Ginevra (foto: Simon Schudel)