Modell eines Fabrikgeländes aus diversen Materialien

Arte e sostenibilità Vol. 5

Prix Mobilière 2016

In occasione del 20° anniversario del Prix Mobilière, nella nostra esposizione presentiamo le opere dei artisti nominati.

Nel 2016 il Prix Mobilière festeggia 20 anni ed è il più antico premio per giovani talenti di un’assicurazione svizzera. L’esposizione comprende le opere di tutti gli artisti nominati per il Prix Mobilière 2016. I vincitori del Prix Mobilière 2016 sono: Mathis Altmann e Vittorio Brodmann. Per il Prix Mobilière 2016 sono stati nominati: Mathis Altmann, Mirko Baselgia, !Mediengruppe Bitnik, Vittorio Brodmann, El Frauenfelder, Florian Graf, Vera Ida Müller, Lena Maria Thüring.

Kunstwerk in der Ausstellung Kunst und Nachhaltigkeit in der Mobiliar Informationen zur Ausstellung Kunst und Nachhaltigkeit in der Mobiliar Mann vor abstraktem Kunstwerk in der Ausstellung Kunst und Nachhaltigkeit in der Mobiliar Besucher:innen in der Ausstellung Kunst und Nachhaltigkeit in der Mobiliar zwei Menschen vor vier gelben Bildern mit Bienenwaben in der Ausstellung Kunst und Nachhaltigkeit in der Mobiliar

Vincitori nel 2016

Mathis Altmann è nato nel 1987 in Germania, vive e lavora a Zurigo. Daniel Baumann, direttore della Kunsthalle di Zurigo, scrive di Altmann: «Le sue sculture nascono dalle rovine e dai rifiuti della nostra cultura, dalla quale abbiamo sperato di ricevere prestigio e felicità.» Altmann si concentra su tematiche ambientale ma anche politiche e si confronta con i meccanismo distruttivi del nostro mondo. I materiali che impiega sono sorprendenti e i risultati ottenuti hanno una forte presenza fisica.

Vittorio Brodmann è nato nel 1987 a Ettingen e vive anche lui a Zurigo, dove ha già realizzato diversi progetti in collaborazione con Mathis Altmann. Brodmann colloca i suoi personaggi, che sembrano usciti dai fumetti e dai cartoni animati, in un ambiente esistenzialista, dove può accadere di tutto, dal dramma alla commedia.  I suoi quadri sono spesso di piccolo formato e colpiscono per tutte le emozioni e le storie che l’artista riesce a collocare al loro interno.