La Mobiliare continua a crescere più del mercato

Martedì, 10. Aprile 2018

Con un utile consolidato di 440,5 milioni di franchi la Mobiliare registra un risultato eccezionale anche nel 2017. Grazie ad un aumento complessivo della raccolta premi del 4,0%, la Mobiliare ha potuto consolidare ulteriormente la sua forte posizione sul mercato.

Nel 2017 la Mobiliare ha mantenuto ritmi di crescita elevati, superando sensibilmente la crescita media del mercato. I principali fattori del successo della Mobiliare sono stati ancora una volta il buon posizionamento sul mercato e la forte organizzazione di vendita, costituita da una rete capillare di 79 agenzie generali, che assicurano una consulenza personalizzata e vicina ai clienti in oltre 160 località di tutta la Svizzera.

Risultato complessivo

Con un utile consolidato di 440,5 milioni di franchi (anno precedente 439,5 milioni di franchi) la Mobiliare ha saputo mantenere il risultato ad un livello elevato. Il risultato tecnico-assicurativo è diminuito da 187,8 milioni a 145,2 milioni di franchi soprattutto a causa dei maggiori oneri per sinistri nel ramo non-vita. Con 336,6 milioni di franchi, il risultato finanziario è stato inferiore nonostante le buone condizioni di mercato (anno precedente 373,5 milioni di franchi). L’aumento dei corsi azionari si è tradotto infatti in riserve di rivalutazione che non sono rilevanti ai fini del risultato.

Capitale proprio e bilancio

Il capitale proprio consolidato è passato da 497,2 milioni a 4,835 miliardi di franchi. Il rendimento del capitale proprio si è attestato al 9,6% come nell’esercizio precedente. Per tutte le società assicurative del Gruppo i mezzi propri disponibili sono molto al di sopra di quelli richiesti dalla legge. La capacità di rischio misurata con il Test svizzero di solvibilità (SST) rileva ampie coperture sia per le singole società sia per il Gruppo. Calcolato secondo un modello interno, basato sui principi SST e approvato dalla FINMA, il coefficiente di solvibilità del Gruppo è del 400%.

La somma di bilancio è salita a 18,896 miliardi di franchi (anno precedente 17,944 miliardi di franchi). Più del 40% di tutti gli investimenti di capitale, ovvero 7,293 miliardi di franchi (anno precedente 7,467 miliardi di franchi), è investito in titoli a reddito fisso. Dal punto di vista contabile essi sono valutati al cosiddetto «amortized cost». Gli investimenti in azioni e quote di fondi sono aumentati dell’11,3%, portandosi a 3,768 miliardi di franchi (anno precedente 3,385 miliardi di franchi). Gli accantonamenti tecnici-assicurativi sono stati valutati in modo prudenziale secondo prassi consolidata.

Ramo non-vita

La Mobiliare ha consolidato il suo forte posizionamento nel ramo non-vita in Svizzera. Ha guadagnato nuovamente 0,6 punti percentuali raggiungendo così una quota di mercato del 19,1% e confermato la sua posizione di leader nelle assicurazioni cose con una quota del 29,6% (anno precedente 29,3%).

I premi lordi sono aumentati del 4,8% portandosi a 2,961 miliardi di franchi (anno precedente 2,827 miliardi di franchi). In questo modo è stata ampiamente superata la crescita media del mercato, pari allo 0,9%. La crescita è derivata per un terzo dalle cauzioni d’affitto della SC, SwissCaution SA, società rilevata nell’ottobre del 2016. Tuttavia, anche escludendo questa acquisizione, la Mobiliare ha registrato una crescita del 3,3%, superiore a quella dell’anno precedente (3,1%). A questo risultato hanno contribuito i nuovi affari conclusi, in numero ancora più elevato rispetto all’anno precedente. Le uscite hanno avuto un andamento parallelo all’evoluzione dei premi. L’onere per sinistri è aumentato dal 61,7% al 63,2%, in particolare a causa di oneri superiori alla media per danni della natura nel terzo trimestre del 2017. Il rapporto fra oneri per i sinistri e premi si è attestato sulla media degli ultimi dieci anni. Il risultato tecnico è diminuito, passando da 295,0 a 257,9 milioni di franchi. Il tasso di costo è salito al 26,3% (anno precedente 25,8%). La combined ratio, pari al 90,8%, è aumentata di 1,9 punti percentuali.

Più della metà della crescita organica registrata nel ramo non-vita è attribuibile ai prodotti del segmento privati e in particolare alle assicurazioni mobilità. L’incremento dei premi nel segmento imprese è dovuto principalmente alle assicurazioni di persone e alle assicurazioni d’impresa per PMI.

Ramo vita

Nella previdenza professionale la Mobiliare ha saputo difendere la sua forte posizione nel settore della riassicurazione degli istituti di previdenza nonostante il mercato fortemente competitivo. Ha consolidato la propria posizione di leader nell’ambito delle assicurazioni rischio vita con una quota di mercato superiore al 24%. Nella previdenza privata la Mobiliare continua a concentrarsi sulle assicurazioni rischio e nell’ampliamento dell’offerta di assicurazioni risparmio con premi ricorrenti. Mentre nella previdenza professionale il volume dei premi annui è stato inferiore a quello dell’anno precedente, quello degli affari con premi unici è aumentato.

I premi lordi sono aumentati dell’1,3% portandosi a 813,3 milioni di franchi (anno precedente 802,8 milioni di franchi). La crescita è dovuta sia agli affari con premi ricorrenti per la previdenza privata sia ai premi unici per la previdenza professionale, principalmente in seguito all’acquisizione di portafogli di rendite d’invalidità. Nella previdenza privata la raccolta premi è aumentata complessivamente del 2,7%. Negli affari con premi unici ricorrenti è stata registrata una crescita del 4,7%, decisamente superiore alla crescita media del mercato (–0.1%). L’andamento degli affari a premio unico è fortemente regredito in seguito al perdurare della fase di tassi d’interesse bassi. Nella previdenza professionale il volume di premi annuali ha registrato una nuova diminuzione, in particolare a causa del minor premio medio per assicurato.

Con –112.7 milioni di franchi (anno precedente –107.2 milioni di franchi) il risultato tecnico è stato inferiore a quello dell’esercizio precedente. Il risultato tecnico comprende già le partecipazioni alle eccedenze per gli assicurati pari a 35,4 milioni di franchi (anno precedente 43,7 milioni di franchi). Il tasso di spese per conto proprio è aumentato leggermente dal 15,5% al 15,7%.

Comparto finanziario

L’attività legata agli investimenti registra un risultato di 336,6 milioni di franchi (anno precedente 373,5 milioni di franchi). Il minor risultato finanziario nonostante le buone condizioni di mercato e l’aumento degli indici borsistici è dovuto al fatto che i benefici azionari si sono tradotti in larga parte in riserve di rivalutazione in conto capitale e solo in piccola parte in rivalutazioni rilevanti ai fini del risultato.

I proventi dagli investimenti di capitale hanno raggiunto 479,4 milioni di franchi (anno precedente 503,4 milioni di franchi), e sono stati realizzati principalmente grazie ai proventi dei titoli per 149,0 milioni di franchi (anno precedente 192,8 milioni di franchi), ai proventi immobiliari per 83,4 milioni di franchi (anno precedente 82,6 milioni di franchi) e agli utili sulle vendite (prevalentemente azioni, fondi azionari e obbligazioni) per 164,6 milioni di franchi (anno precedente 133,2 milioni di franchi). Le riprese di rettifiche di valore sugli investimenti (incluse quelle sulle organizzazioni associate) sono state di 49,6 milioni di franchi (anno precedente 65,5 milioni di franchi). Gli oneri per investimenti di capitale pari a 103,6 milioni di franchi sono stati leggermente inferiori a quelli dell’anno precedente (106,2 milioni di franchi). Gli oneri derivanti da altri risultati sono saliti a 39,1 milioni di franchi (anno precedente 23,8 milioni di franchi). Rispetto all’esercizio precedente gli ammortamenti sono scesi da 30,2 a 25,0 milioni di franchi e le perdite su vendite da 36,5 a 22,9 milioni di franchi. È invece aumentato l’onere per la gestione del capitale da 19,9 a 26,0 milioni di franchi a causa dell’ampliamento del portafoglio ipotecario. Sugli investimenti di capitale per un valore contabile medio di 16,681 miliardi di franchi il comparto finanziario ha conseguito un rendimento del 2,0% (anno precedente 2,3%). La performance ai valori di mercato è stata del 3,6% (anno precedente 2,2%).

Principali investimenti

Da anni la Mobiliare investe somme ingenti in diversi progetti. Nel 2017 gli investimenti di tutti i settori dell’impresa hanno raggiunto un volume di 123 milioni di franchi e si sono focalizzati sul completo rinnovo dei sistemi IT. Con l’introduzione del Mobiliar Claims System (MCS), ad esempio, la Mobiliare ha concluso con successo un progetto generazionale e avviato una nuova era per l’elaborazione dei sinistri nel ramo cose, RC e mobilità. Sono stati inoltre impiegati mezzi ingenti per la digitalizzazione dei processi clienti, come ad esempio l’introduzione della stipula digitale delle assicurazioni. Gli investimenti effettuati lo scorso anno in imprese digitali, ovvero l’acquisizione di Trianon, Treconta e SwissCaution SA nonché una partecipazione in Scout24 Svizzera, hanno fatto registrare un andamento positivo nel 2017.

Nuovi prodotti e nuove soluzioni assicurative

Il nuovo prodotto, lanciato lo scorso anno, per la copertura dei rischi sismici per privati e PMI ha riscosso un notevole successo. La Mobiliare ha inoltre saputo soddisfare un’esigenza di forte attualità, introducendo sul mercato l’assicurazione cyber protezione, in primavera per i privati e in autunno per le imprese. Nel settore della previdenza professionale dall’inizio del 2017 la Mobiliare mette a disposizione alle proprie PMI clienti una nuova soluzione previdenziale trasparente chiamata «Cassa comune LPP Mobiliare». A novembre sono stati lanciati due nuovi prodotti per la previdenza privata, ovvero il piano di versamento e l’assicurazione risparmio evolutiva. Quest’ultima ha avuto un debutto molto promettente e dal 1° gennaio 2018 sostituirà tutte le offerte precedenti relative alle assicurazioni risparmio con premi periodici. Mentre l’assicurazione risparmio evolutiva ha lo scopo di proteggere l’assicurato in caso di eventi che possono verificarsi nel corso della vita, il piano di versa­mento garantisce un reddito supplementare sotto forma di versamenti mensili nel corso di un determinato periodo.

La Mobiliare condivide nuovamente i buoni risultati conseguiti con i propri clienti

Da luglio 2017 a giugno 2018 tutti i clienti della Mobiliare con un’assicurazione economia domestica e stabili beneficiano di una riduzione dei premi del 20%. Con un importo complessivo di 160 milioni di franchi, dalla metà del 2018 e per la durata di un anno, ai premi delle polizze veicoli a motore e delle assicurazioni d’impresa per PMI viene applicato uno sconto del 10%. Negli ultimi dieci anni la Mobiliare ha ridistribuito ai propri assicurati del ramo non-vita più di 1,3 miliardi di franchi provenienti dal fondo delle eccedenze.

Protezione contro i pericoli naturali

Sin dal 2006 la Mobiliare sostiene progetti di ricerca e promuove misure di protezione contro i pericoli naturali in tutta la Svizzera. Alla fine di aprile la Mobiliare ha festeggiato la sua partecipazione al 100° progetto di prevenzione nel Comune bernese di Toffen. In questo lasso di tempo, la Mobiliare ha cofinanziato ben 116 progetti di prevenzione e messo a disposizione più di 34 milioni di franchi. L’efficacia di questi progetti è stata dimostrata ad esempio nel 2017 nel Comune di Vordemwald presso Zofingen, dove dopo i danni provocati dalle intemperie del mese di maggio 2013 è stata realizzata un’opera di captazione delle acque superficiali. Grazie a questo intervento, la scorsa estate il Comune ha registrato molti meno danni nonostante il forte maltempo.

Altri impegni a favore della collettività

La tradizione cooperativa della Mobiliare fin dal 1826 le impone di agire in modo sostenibile e responsabile. Come impresa finanziariamente solida e indipendente, la Mobiliare può scegliere le modalità con cui assumersi la propria responsabilità imprenditoriale e sociale e impegnarsi su più fronti conformemente ai principi della cooperativa. Anche per l’esercizio 2017 è stato redatto un rapporto completo sulla sostenibilità che illustra le modalità con le quali la Mobiliare si assume le proprie responsabilità. Questo rapporto è parte integrante della relazione d’esercizio 2017 ed è conforme alle linee guida della Global Reporting Initiative GRI «G4 opzione Core».

Maggiori informazioni su www.mobiliare.ch/la-mobiliare/chi-siamo/relazione-d-esercizio-2017

 

Il Gruppo Mobiliare

In Svizzera, un’economia domestica su tre è assicurata presso la Mobiliare. L’assicuratore generale al 31 dicembre 2017 gestiva un volume di premi pari a 3,775 miliardi di franchi. 79 agenzie generali con un proprio servizio sinistri indipendente garantiscono la vicinanza a più di 2 milioni di clienti in circa 160 località della Svizzera. La Mobiliare Svizzera Società d’assicurazioni SA ha sede a Berna, mentre la Mobiliare Svizzera Società d’assicurazioni sulla vita SA ha sede a Nyon. Fanno parte del Gruppo anche la Mobiliare Svizzera Asset Management SA, la Mobiliare Svizzera Services SA, la Protekta Assicurazione di protezione giuridica SA, la Protekta Consulenza-Rischi SA, la Mobi24 Call-Service-Center SA e la XpertCenter SA, tutte con sede a Berna, la Trianon SA con sede a Renens e la SC, SwissCaution SA con sede a Bussigny.

La Mobiliare occupa in Svizzera e nel Principato del Liechtenstein 5000 collaboratori e 342 apprendisti. È la più antica società privata d’assicurazioni della Svizzera e sin dal 1826, anno della sua fondazione, ha struttura di cooperativa.